Sì, MA COME?

Le regole

Inserito da il 10:26 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

I bambini hanno bisogno di confini, lo diciamo sempre. In particolare, di confini che permettano loro di crescere in un ambiente protetto, sicuro e facilitante; in grado, cioè, di porre le condizioni favorevoli per la conoscenza del mondo circostante, degli altri e di se stessi. In termini pratici cosa sono questi confini? Prima di tutto le regole che mamma e papà danno ai figli, stabilite in base all’età dei bambini e ai loro bisogni. Ecco le caratteristiche fondamentali di regole efficaci: -Poche: avere mille regole è come averne...

Continua a leggere

Conosciamo la rabbia

Inserito da il 17:11 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Per crescere, i bambini hanno bisogno di sperimentare continuamente quello che possono e non possono fare, limiti e possibilità: l’aggressività è una naturale e sana espressione di questo processo di sviluppo. Una reazione arrabbiata e collerica è prima di tutto la manifestazione di un’emozione di questo normale processo e il bambino deve essere libero di esprimerla per poter imparare a controllarla. Quando si impara qualcosa di nuovo, la si fa inevitabilmente male e la rabbia non fa eccezione: i bambini si arrabbieranno “male”...

Continua a leggere

La magia batte gli incubi

Inserito da il 16:13 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Incubi e brutti sogni turbano spesso il sonno dei nostri piccoli. Soprattutto a partire dai 2/3 anni è frequente che i bambini si sveglino nel cuore della notte urlando e piangendo e che facciano fatica a riaddormentarsi. Ciò accade perché con lo sviluppo del linguaggio i bambini si inoltrano sempre più nel mondo dei pensieri e della memoria e, durante la notte, questi possono diventare spaventosi e trasformarsi in vere paure che ai piccoli sembrano reali. Inoltre, per i bambini i pensieri sono veri: se possono pensare qualcosa, allora...

Continua a leggere

La sorpresa di diventare genitori

Inserito da il 16:37 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Essere pronta a mettermi in discussione… sempre. Federica Bonomini Diventare genitori è una sorpresa. Lo sappiamo! Lo si sa talmente che qualche volta l’espressione perde significato. Per ridare un senso autentico a questa meravigliosa sorpresa abbiamo chiesto aiuto a tutti voi che ci seguite con attenzione, quotidianamente. E come sempre siete stati calorosi e molto partecipi. Qui trovate una prima piccola parte dei vostri post, più di 300!!! Cominciamo da questi, ma nessuno verrà escluso. Buona lettura! Per noi lo è stata...

Continua a leggere

Elogio della frustrazione e del desiderio

Inserito da il 13:48 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Ci sono i bisogni e ci sono i desideri. I primi sono una necessità dell’organismo; i secondi sono pensieri. I bisogni nascono dal corpo; i desideri dall’ambiente e dalla relazione con esso. I primi, una volta appagati e soddisfatti, si quietano; i secondi evolvono, perché dopo un desiderio ne nasce un altro; i bisogni consentono la conservazione; i desideri l’evoluzione. Ma nel loro essere diversi, i bisogni e i desideri hanno un importante elemento in comune: la frustrazione che nasce quando non si possono soddisfare. La...

Continua a leggere

Perfezione ed errori

Inserito da il 15:31 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

  Oggi, in quasi ogni ambito, la giusta preoccupazione di fare bene, di impegnarsi in base alle proprie capacità, alle proprie idee o alle naturali predisposizioni di ciascuno è sopraffatta dall’ideale – fortunatamente – irraggiungibile di perfezione. E l’educazione di un bambino non fa eccezione. Non sbagliare mai. Essere sorridenti, dolci e premurosi. Essere fermi e severi all’occorrenza. Essere attenti, ma non troppo. Essere presenti senza soffocare. Stimolare, incitare, incoraggiare. Trascorrere tempo di qualità....

Continua a leggere

Dire no a un bambino è una dimostrazione d’amore

Inserito da il 11:43 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

  Scomodare il famoso “Conosci te stesso” forse è troppo, ma una, seppur piccola, conoscenza di sé è fondamentale quando si diventa educatori: i primi e più importanti educatori sono mamma e papà. Ecco perché vale la pena soffermarsi per un tempo anche breve e trovare un momento per riflettere su se stessi. Almeno un po’! Proviamo a concentrare le nostre riflessioni su un aspetto preciso, un aspetto in cui le nostre sovrapposizioni personali rischiano di insidiare l’intento educativo: le difficoltà che ciascuno di...

Continua a leggere

Diventare papà

Inserito da il 11:10 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Oggi i papà sono molto coinvolti nell’accudimento e nell’educazione dei bambini. In particolare rispetto ai “papà di una volta” più concentrati sul lavoro esterno e, perciò, fisicamente meno presenti e spesso anche esclusi dal gruppo femminile che si occupava totalmente della cura dei piccoli. Attraverso le parole di un papà di un bambino di due mesi e mezzo esploriamo i sentimenti, le rappresentazioni e l’esperienza di un uomo che diventa padre. Lasciamo la parola a lui, T.D. Come hai vissuto la gravidanza di tua moglie? In generale bene,...

Continua a leggere

Il litigio

Inserito da il 15:00 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

Quando due bambini giocano ci colpisce la velocità con cui passano dall’andare d’accordo al litigare: un attimo prima li sentiamo ridere, inventare scenari e definire regole e un attimo dopo sentiamo grida, pianti, accuse e “Non gioco più!”. Quando assistiamo a un litigio fra bambini, l’istinto ci porta spesso a intervenire in fretta per sedare gli animi, ristabilire la pace e, se lo riteniamo necessario, attribuire colpe ed eventuali punizioni. In realtà, per quanto difficile, è opportuno aspettare un po’, perché il litigio...

Continua a leggere

L’oggetto transizionale

Inserito da il 14:00 in Articolo, Sì, MA COME? | 0 commenti

La maggior parte di noi si ricorda un pupazzo, un fazzoletto, un gioco che ci ha accompagnato per molto tempo durante l’infanzia. Se ci fermiamo, possiamo ricordare perfino le sensazioni legate a quell’oggetto: affetto e sicurezza. “Quella cosa lì”, scelta da noi, e nessun’altra ci rassicurava nel momento del bisogno, ci rendeva forti di fronte alle difficoltà, ci faceva sentire sicuri e ci teneva compagnia durante notte. Poi, non sappiamo esattamente quando, non ne abbiamo più avuto bisogno. Di nuovo, come genitori, possiamo notare lo stesso...

Continua a leggere